Servizio trasporto per persone disabili

Il Servizio Sociale dei Comuni, tra i servizi e le prestazioni volti ad assicurare l’integrazione delle persone disabili, nell’ambito familiare e sociale, provvede ad attivare e sostenere modalità di trasporto, attraverso: (clicca le singole voci per vedere)

- la gestione di un servizio di trasporto collettivo;

- l’attivazione di interventi individuali di trasporto mediante l’affidamento ad apposite ditte e cooperative;

il rimborso delle spese sostenute dalle famiglie che utilizzano il proprio mezzo di trasporto (indennità chilometrica).

Tali interventi si ispirano ai principi della Legge 104 del 05.02.1992 per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone con disabilità (art. 26 comma 2) e della Legge Regionale n. 41 del 96 (art. 6 comma c).

I servizi sono attivabili solo per trasporti per i quali è prevista una frequenza continuativa o comunque una durata superiore a un mese e compatibilmente con le risorse finanziarie dell’ente.

Finalità

Il trasporto delle persone disabili rientra tra gli interventi di natura socio-assistenziale previsti dall’Ambito al fine di consentire alle stesse di raggiungere:

- scuole di qualsiasi ordine e grado;

- strutture riabilitative, socio-assistenziali diurne e residenziali, pubbliche e private, quando non di competenza delle medesime o del servizio sanitario nazionale;

- posti di lavoro (inclusa la frequenza a progetti di inserimento lavorativo).

 Destinatari e modalità di accesso

Hanno diritto ad usufruire degli interventi di trasporto i cittadini disabili che:

- siano residenti in uno dei comuni dell’Ambito;

- siano riconosciuti disabili, così come definito dagli articoli 3 e 4 della Legge 104/92 e succ. mod. ed int. (possesso della Certificazione di handicap).

L’intervento verrà attivato qualora la persona disabile presenti difficoltà tali da pregiudicare in modo grave la capacità di utilizzare i mezzi pubblici ordinari di trasporto, ovvero la capacità di spostamento autonomo.

Tale situazione di difficoltà verrà accertata dall’Equipe Multidisciplinare per l’handicap, all’interno del progetto personalizzato di vita della persona disabile.